Luminarie Salerno, Luci d'Artista Salerno

Complesso Monumentale di San Pietro a Corte

complesso-monumentale-san-pietro-a-corteIl Complesso Monumentale di San Pietro a Corte è la più importante fondazione longobarda presente in Città. I resti monumentali si configurano come uno dei principali documenti architettonici della Salerno medievale e tra i documenti dell’architettura longobarda presenti in Europa, costituiscono un esempio unico di edificio palazziale.
Fu la sede più prestigiosa della corte principesca longobarda in Campania. La struttura si deve al duca di Benevento, Arechi II che nel 774, dopo la sconfitta dei Longobardi del Nord ad opera di Carlo Magno, assumendo il titulus di Princeps gentis langobardorum, spostò, per ragioni politiche e strategiche, la sua residenza da quella Città, allora capitale del ducato, a Salerno, costruendosi un magnifico palatium. Riguardo alla struttura, i grossi pilastri dell’aula superiore (aula di rappresentanza) sono poggiati sul frigidarium di un complesso termale di età imperiale (fine I – inizio sec.II sec. d.C.), in seguito riutilizzato come sepolcreto dalle comunità cristiane di Salerno dove furono seppelliti importanti personaggi pubblici dell’epoca (vir spectabilis).
Dall’alto si accedeva ad un ampio salone che doveva corrispondere all’aula di rappresentanza con annessa cappella palatina. Nei secoli successivi (anno 1567) il salone fu modificato dall’abate commendatario, Decio Caracciolo, il quale aggiunse l’attuale scalone d’accesso, visibile dall’ingresso di largo Antica Corte. Tra i secoli XIII e XVI fu creata una cappella dedicata al culto mariano. Tra le sue diverse destinazioni d’uso è stata anche una delle sedi della Scuola Medica Salernitana. In futuro, a restauro ultimato, sarà la sede del museo della civiltà dei Longobardi del Sud.
Attualmente il Complesso monumentale di San Pietro a Corte è gestito dal Gruppo Archeologico Salernitano che l’ha avuto in affidamento a seguito di un’ apposita convenzione stipulata con il Ministero per i beni e le attività culturali – Soprintendenze B.A.P. e B.A.S. di Salerno e Avellino.




Condividi su Condividi su Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Pinterest Seguici su segui Lucidartista su Facebooksegui Lucidartista su Twitter segui Lucidartista su Instagram
NOTIZIE SULLE LUCI D'ARTISTA E SUL NATALE A SALERNO

Salerno Capodanno: grande accoglienza per Antonello Venditti in Piazza Amendola [VIDEO E FOTO]

Salerno: grande accoglienza per l’arrivo di Antonello Venditti in Piazza Amendola per le prove tecniche di questa mattina 31 dicembre 2016 alle ore 13:00 circa per il Concerto di Capodanno del 31 dicembre 2016. https://youtu.be/GvtC8glz-Ns… Leggi tutto

 

Salerno: l’arrivo di Antonello Venditti sul palco in piazza Amendola [VIDEO ESCLUSIVO]

Salerno: l’arrivo di Antonello Venditti sul palco in piazza Amendola alle ore 13 del 31 dicembre 2016 https://youtu.be/ClMko4P5iY4 Leggi tutto […]

 

Capodanno in Piazza a Salerno: attese migliaia di persone per il concerto di Antonello Venditti

Antonello Venditti al Capodanno in Piazza di Salerno. Il cantautore sarà il protagonista del concerto in Piazza Amendola in programma la sera di sabato 31 dicembre. Le sue canzoni più celebri scandiranno l’attesa della mezzanotte… Leggi tutto

 

CAPODANNO CIRCUS a LA LOCANDA DEL MARE, il porto d’inverno del Dum Dum Republic

Artisti circensi, pagliacci e acrobazie per il Capodanno Circus. Il folle “Caravan of Love” del Dum Dum Republic sta per sbarcare al porto d’inverno della Locanda del Mare con uno spettacolo emozionate e suggestivo per… Leggi tutto

 

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. +

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close